Cos’è il peccato originale? Ha a che fare con Altantide?
Pubblicato il 1 Febbraio 2022
Pubblicato il 1 Febbraio 2022

Ho chiesto al mio maestro, il maestro ha risposto:

Il peccato originale come ci è stato insegnato dal catechismo non esiste, è un’invenzione della Chiesa Cattolica. Il vero peccato originale è il seguente:

Adamo (principio maschile) è lo spirito, Eva (principio femminile) è l’astrale o simbiosi della parte spirituale dell’uomo con la sua parte sensoriale ed emozionale, il serpente è la materia che pone l’uomo in tentazione, cioè lo attrae verso il godimento fisico a discapito della elevazione spirituale. Il peccato originale consiste simbolicamente nella violazione del patto con Dio da parte dell’uomo. I Geni Creanti o Elohim, per conto dello Spirito Santo (Intelligenza Onnicreante), hanno realizzato l’incarnazione dell’uomo individuale sulla Terra (“Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza”), hanno formato l’abitacolo antropomorfo da un dinosauro marino, il serpente piumato dorato, ed hanno stabilito le regole, i valori per la sua evoluzione che servivano fin dalla prima incarnazione per evitare che lo spirito nell’uomo perdesse le sue prerogative e retrocedesse nella scala evolutiva.

L’Eden è la Terra affidata all’uomo, cioè il paradiso terrestre nel quale gli Dèi hanno detto: “Uomo, rispetta queste regole e riceverai la visitazione di altri angeli con i quali ti unirai per continuare una felice evoluzione”. Purtroppo, a differenza di quanto hanno fatto altre umanità di altri pianeti in tempi brevi, l’uomo di questo pianeta ha disubbidito e continua a disubbidire, non vuol essere abbastanza forte da superare le attrazioni della materia, quindi non rispetta i dettàmi divini e rompe il patto con Dio. Questo è il peccato originale.

Dunque il peccato originale non si riferisce direttamente ad Atlantide, senonché in Atlantide si è ripetuta per l’ennesima volta la rottura del patto tra uomo e Dio. La stessa cosa è avvenuta presso il Sinai quando il popolo eletto disobbedì ai Comandamenti portati da Mosè, perché le regole erano le stesse, i valori divini erano gli stessi che furono dati al primate dell’uomo. Malgrado gli interventi extraterrestri nel corso della storia, malgrado gli accoppiamenti tra extraterrestri e terrestri per favorire l’evoluzione umana, malgrado gli insegnamenti portati sulla Terra da grandi Esseri solari incarnati come uomini per il bene dell’umanità, e malgrado l’umanità riesca a realizzare conquiste tecnico-scientifiche ragguardevoli, ancora oggi essa non riesce a vincere le tentazioni della materia e così la perversione dello spirito continua a prevalere avvelenando anche le conquiste tecnologiche, perciocché l’umanità sta realmente rischiando l’autodistruzione soprattutto a causa dell’utilizzo bellico dell’energia nucleare. Gli extraterrestri possono intervenire con i loro mezzi per fermare l’ecatombe nucleare prima che della disintegrazione del globo. In Atlantide invece gli extraterrestri furono costretti ad annientare preventivamente l’intera civiltà perché a quel tempo sapeva utilizzare l’antimateria e la teleportazione capace di spostare intere montagne quasi istantaneamente, e sarebbe stato impossibile intervenire a posteriori.

La “cacciata dal paradiso” significa che anziché vivere un’evoluzione armoniosa dove l’esperienza del bene e del male sono complementari e si equilibrano vicendevolmente, (un parametro evolutivo-iniziatico meraviglioso per lo spirito nella scuola della vita), Iddio impone all’uomo di guadagnarsi l’evoluzione attraverso la sofferenza. Questo vuol dire che per l’umanità il peccato originale è l’acquisizione del karma, il “peccato del mondo” dal quale possiamo redimerci mettendo in pratica gli insegnamenti di Gesù Cristo e seguendo il Suo esempio: donare sé stessi per la salvezza degli altri.

Con dilezione fraterna,

Marco Marsili

1 Febbraio 2022

qui trovi l’articolo originale

Potrebbe interessarti anche