Il Contatto: vivere con gli Extraterrestri
Pubblicato il 25 Novembre 2021
Pubblicato il 25 Novembre 2021

Vivere con gli extraterrestri: cosa significa e cosa comporta nella vita di uno di loro che ha deciso di incarnarsi in questa società? Lo racconta Giorgio Bongiovanni in questa intervista fiume realizzata dal ricercatore Pier Giorgio Caria in cui viene narrata la sua esperienza di convivenza con esseri di altri mondi a servizio della crescita umana e spirituale dell’uomo.

Dopo migliaia di incontri, contatti, esperienze mistiche e sanguinazioni delle stimmate, Giorgio racconta nel dettaglio alcuni retroscena della sua vita con le Intelligenze Superiori. Una vita guidata dalle leggi dello spirito che sanciscono i rapporti e le modalità di una convivenza tra due mondi: quello della terza dimensione terrestre e quello delle dimensioni cosmiche e spirituali da cui proviene la nostra vera essenza. Questi spiriti universali, geni solari e archetipi, che accompagnano la nascita dell’universo, sono per Giorgio la sua vera famiglia, maestri, amici, fratelli a cui appartiene e con i quali svolge una missione di risveglio delle anime a Cristo e al suo ritorno, in ottemperanza alla scienza dello spirito che guida l’universo.

Questi esseri di altri mondi lo accompagnano, lo tutelano, lo attraversano, lo rendono strumento, lo contattano e lo personificano. Così la sua voce diventa megafono dei nostri antichi Padri che hanno dato vita all’uomo e al pianeta e che ora ricordano al mondo la matrice che lo ha generato e lo scopo evolutivo di questa terrena incarnazione.

Giorgio, extraterrestre tra noi, diventa così loro tramite e personificato. Condivide con coloro che desiderano crescere nello spirito, messaggi, ammonimenti, nuovi paradigmi sociali e umani in grado di ristabilire l’armonia della creatura con il Creatore.

Così, l’enzima primario del pianeta ha la possibilità di ritrovare sé stesso, trascendendo il mortifero impulso di sopraffazione e autodistruzione.

Questo patto tra Dio e l’uomo viene rinnovato dalla vita di chi ha dato tutto per salvare il salvabile, ricercando e risvegliando nell’umanità il seme della nuova genetica cosmica, venuta sulla terra per apprendere, imparare e servire l’ideale umano a cui il Cristo si è rivolto.

Il contatto tra l’umanità e le civiltà di altri mondi è già in corso e si fa carne e sangue nella vita di Giorgio che convive con queste Intelligenze Superiori e con i geni solari che le guidano. Questo suo farsi strumento e messaggero di comunicazioni che provengono da altri lidi del cosmo, dipinge scenari rivoluzionari nelle nostre vite e, nello stesso tempo, rappresenta un grido d’amore e un monito di giustizia per chi viola l’antico patto dell’uomo con Dio.

La società terrestre, impegnata ad autodistruggersi in questa fase ipercaotica del suo sviluppo, ha la possibilità di cambiare sé stessa e di aprirsi al grande contatto con il cosmo. Un contatto già iniziato, consolidato e divenuto vita vissuta in Giorgio Bongiovanni, tramite del Cielo sulla Terra.

La connessione tra coloro che si riconoscono nei più alti valori dell’etica universale e cosmica e i creatori del mondo che guidano società confederate nell’ideale armonico universale, si compie tramite uno strumento delle volontà superiori che è uno di loro in mezzo a noi e che spiega la sua convivenza con questi esseri super evoluti donando perle di saggezza e conoscenza a coloro che hanno orecchie per udire ed occhi per vedere l’antica Verità che conduce alla gioia dello spirito.

‘Tutto ciò che ho detto può sembrare strano per l’uomo della terra, ma vi dico: non è importante che mi crediate o che quello che vi ho raccontato in questo incontro esista davvero. L’importante è che divenga auspicabile e che l’utopia, un giorno, possa divenire realtà perché ciò che mi guida è l’amore. Potrete dubitare di ciò che vi ho raccontato ma ciò che è certo è che auspico che quel modo di vivere delle società evolute, quella pace, quella libertà e quell’ideale d’amore rifiutato dall’uomo, diventi realtà. E di un’altra cosa dovete essere certi: l’esistenza di Gesù Cristo. Lui non era di questo mondo!’ Giorgio Bongiovanni.

Buona visione!

Francesca Panfili

25 Novembre 2021

Link intervista: https://youtu.be/x-UsaafoSro

qui trovi l’articolo originale

Potrebbe interessarti anche