La Giustizia Divina come immenso Atto d’Amore
Pubblicato il 18 Settembre 2020
Pubblicato il 18 Settembre 2020

Domanda

Buongiorno,

sono una signora di 60 anni, nella mia vita ho interpretato molti ruoli, ma non ho mai smesso di cercare Dio, nelle religioni, nelle filosofie, nel misticismo, nello spiritualismo. … Il nocciolo a mio modesto parere di ogni ricerca riporta a quell’unico comandamento insindacabile, inalienabile, imprescindibile ” AMA”  dal quale si dipanano mille verità ,tutte parziali, ed in ogni verità si cela un frammento di Verità autentica.

…Ho ascoltato Te, Caria, Bongiovanni ed ho sentito una onesta adesione ai valori dell’amore, ma, devo dirti, anche una rabbia sottesa, una disperazione strisciante di chi “grida nel deserto” e così ho iniziato a leggere i messaggi del Cielo: quello che ho evinto dai fratelli cosmici è un’accusa netta, una riprovazione verso questa umanità a volte malvagia e a volte molle e tiepida.

…Nei messaggi leggo non solo una condanna rivolta ai governanti, ma anche all’umanità tutta, ubriaca di materialismo e istinti che diventano perversioni.

Ma l’uomo non ha ancora bisogno di amore? Vorrei che Asthar scrivesse da Padre o Fratello Maggiore e non comandante di un esercito di giustizia senza misericordia.

Rosanna

Risposta

Ciao Rosanna, grazie per averci scritto e grazie per la tua condivisione.

Come dici tu, e come del resto insegnano da sempre tutti i maestri discesi qui sulla Terra, la chiave di tutto è l’AMORE.

Quello che bisogna però intendere bene è la definizione della parola AMORE. L’amore, quello vero, quello di Cristo, è la forza più potente dell’universo, che può tutto, che crea mondi, crea spiriti. 

L’amore, affinché regni la pace, deve essere sempre accompagnato dalla GIUSTIZIA. La Giustizia è quella forza equilibratrice che tutela l’amore dalle forze disarmoniche. GIUSTIZIA, PACE E AMORE è il tripode su cui si basa tutta la creazione di Dio. Quindi, se per alcuni il messaggio del cielo può sembrare un messaggio di pura giustizia, per altri, può sembrare un messaggio di puro amore. Dipende dal punto di vista di chi lo ascolta, di come è la sua situazione nel mondo.

Lo stato in cui si trova oggi il mondo, il pianeta Terra, e tutta l’umanità, non è un caso, ma è un effetto delle cause che la stessa umanità ha posto nel tempo. Siamo noi e solo noi gli artefici del nostro destino, nel bene e nel male, e se ora ci troviamo in una situazione in cui più della metà della popolazione mondiale si trova in povertà assoluta, nella situazione in cui il miliardo “benestante” dell’umanità è causa dei mali e delle sofferenze degli altri 6 miliardi, nella situazione in cui l’1% della popolazione possiede più ricchezza del restante 99%, nella situazione in cui la Madre terra viene stuprata ogni giorno dal nostro inquinamento e dal nostro sfruttamento, nella situazione in cui tutti noi dormiamo tranquilli sotto un mare di rifiuti tossici radioattivi, nella situazione in cui i potenti stanno progettando una guerra mondiale nucleare,…(potrei andare avanti ancora per molto, ma il senso credo si sia capito)… Una umanità che ha creato questo mondo io penso che si sia per lungo tempo presa gioco della fin troppo grande misericordia di Dio, il quale Dio, ora viene a portare giustizia divina, “per innalzare i poveri e rovesciare i potenti dai troni”. Ma questa giustizia severa che viene dal cielo, è il più grande ed immenso atto d’amore verso i piccoli, verso gli ultimi, verso i bisognosi, verso i denigrati, verso coloro che troveranno posto vicino a Dio. Per tutti gli altri, “sarà pianto e stridor di denti”, perché Cristo è “non è venuto a portare la pace sulla Terra, ma è venuto a portare la spada, a dividere il padre dal figlio, la madre dalla figlia, il marito dalla moglie…”.

Ecco che, partendo proprio dalle sacre parole di Dio, si arriva a comprendere che i maestri cosmici attraverso questa giustizia riequilibratrice, stanno compiendo un atto d’amore cristico immenso, per portare pace sulla Terra, un atto di misericordia infinito.

Un caro saluto Rosanna

Luigi

Potrebbe interessarti anche